torna in homepage

SELEZIONA UNO DEI NOSTRI TEMI:


AIUTACI A RENDERE IL CANCRO SEMPRE PIÙ CURABILE:

 

DONA ORA

AIRC.IT


CONDIVIDI IL PROGETTO:

Da 50 anni con coraggio,
contro il cancro.

2005-2014

Meno tumori infantili, più possibilità di cura

Solo per alcune leucemie e per il tumore della tiroide si registrano ancora andamenti in crescita.

L'aumento di nuovi casi di tumori infantili in Italia, registrato fino alla fine degli anni Novanta, si è arrestato e si confermano i recenti progressi nelle cure delle neoplasie infantili: i bambini e i ragazzi tra 0 e 19 anni che muoiono di tumore sono sempre meno.

Più precisamente, nel 2008 i decessi sono circa un terzo di quelli registrati nei primi anni Settanta. Le buone notizie si trovano raccolte nei dati di AIRTUM (Associazione italiana registri tumori) e AIEOP (Associazione italiana di ematologia e oncologia pediatrica) nel volume “I tumori in Italia - Rapporto 2012. I tumori dei bambini e degli adolescenti”.

L'andamento dell'incidenza dei tumori maligni, nella fascia d'età 0-14 anni, è stazionario dal 1998 a 2008; mentre la diagnosi di leucemia linfoblastica acuta (che rappresenta l'80 per cento di tutte le leucemie e un quarto di tutti i tumori dei bambini) dal 1995 diminuisce in maniera significativa del 2 per cento l'anno. Non è chiaro il motivo di questa inversione di tendenza. Da un lato una migliore capacità di diagnosi e un'informazione più diffusa hanno portato a diagnosticare in maggior numero alcuni tumori (in particolare i tumori del sistema nervoso centrale), ma è possibile che un effetto "accertamento diagnostico" abbia influenzato in precedenza anche l'andamento delle leucemie.

Un dato in crescita emerge tra gli adolescenti: nel periodo 1998-2008 le diagnosi di tumori maligni aumentano tra le ragazze (più 2 per cento l'anno), mentre in entrambi i sessi si registra un incremento dei tumori della tiroide (più 8 per cento l'anno).

L'aumento di diagnosi di tumori della tiroide (tumori però a ottima prognosi) è dovuto a un incremento della sorveglianza anche in assenza di sintomi. Ogni anno, tra il 2003 e il 2008, in Italia si sono diagnosticati mediamente 164 casi di tumore maligno per milione di bambini (0-14 anni) e 269 casi per milione di adolescenti (15-19 anni).

La ricerca ha fatto grandi passi avanti nella diagnosi e nella cura delle neoplasie dei bambini e dei ragazzi: negli anni dal 2003 al 2008 l'82 per cento dei bambini italiani e l'86 per cento degli adolescenti è in vita cinque anni dopo la diagnosi di tumore. La strada è però ancora lunga e non per tutti i tumori si sono raggiunti i risultati registrati ad esempio nelle leucemie e linfomi, guaribili nell'80 per cento dei casi.

se questo articolo ti è piaciuto,
sostieni la ricerca!

dona ora

torna al decennio 2005-2014

 

Scopri tutti gli eventi avvenuti all'interno degli altri decenni: